Combattere il caldo, in modo intelligente

  |   Energia

Un omaggio ed un ammonimento al povero climatizzatore

riscaldamento globale

Il caldo incalzante di questo ultimo periodo, che ha interessato non solo l’Europa ma anche il nostro Paese, ha determinato un ulteriore incremento della domanda di climatizzatori. I climatizzatori di uso domestico - così come li conosciamo - sono stati introdotti nel 1920 e da quella data hanno registrato una crescita continua. I climatizzatori raffrescano le nostre estati e sono particolarmente importanti per chi ha dei problemi di salute o è piu sensibile agli effetti negativi delle alte temperature.
Per molti è dunque difficile immaginare un’estate senza climatizzatore.

Nonostante i tanti aspetti positivi, vi è un rovescio della medaglia: i sistemi di climatizzazione consumano troppa energia. In media una casa con un climatizzatore eroga circa due tonnellate di anidride carbonica all'anno, provocando complessivamente centinaia di milioni di tonnellate di biossido di carbonio.

Inoltre, nel futuro prossimo, più di un miliardo di persone nei paesi in via di sviluppo acquisteranno un climatizzatore, questo comporterà un incremento massiccio della domanda energetica. Secondo un recente studio dell’università di Yale, entro il 2050 vi sará un aumento di dieci volte del consumo di energia necessario per il raffreddamento. Il riscaldamento globale è quindi dietro le porte: 14 dei 15 anni più caldi della storia si sono verificati nel 21esimo secolo ed il 2014 è il più caldo di tutti.

Il crescente uso dei sistemi di climatizzazione tuttavia rende le nostre città ancora più calde, innescando un circolo vizioso. Alcuni studi hanno infatti dimostrato che l’utilizzo dei climatizzatori è responsabile per l’incremento della temperatura di 1°C durante la stagione estiva.

climatizzatori

Per chi è preoccupato per il riscaldamento globale e vorrebbe risparmiare sulla propria bolletta energetica, ma non riesce a fare a meno del climatizzatore, c’è una soluzione. Grazie all’uso di una tecnologia sempre più intelligente è possibile ottimizzare il consumo energetico dei propri climatizzatori o condizionatori senza rinunciare al comfort di una temperatura piacevole.

L’internet delle cose (IoT) applica una tecnologia intelligente a dispositivi e prodotti di uso comune proprio come i condizionatori e ne incrementa l’efficienza energetica. Il fine è automatizzare i processi attivando per esempio il climatizzatore solo quando si ha un bisogno effettivo.

stanza con tado° climatizzazione intelligente

Ciò è possibile grazie alla localizzazione del proprio smartphone. Il dispositivo di controllo intelligente della climatizzazione di tado° regola infatti il climatizzatore in modo automatico in base alla posizione dell’utente rispetto casa, comunicata via dispositivo mobile. Questo controllo intelligente dei climatizzatori permette di risparmiare fino al 40% sul consumo di energia e di dare così un taglio alla propria bolletta. In più si ha il vantaggio di settare nel dettaglio la temperatura desiderata e controllare il climatizzatore anche da remoto per più comfort ed un benessere davvero sostenibile.

Per più informazioni sulla tecnologia della climatizzazione intelligente, leggere qui.



Autore

Paul Hughes

Articoli correlati

Energia

Low investment – high impact

In an average UK household, heating accounts for over 66 percent of energy use and energy costs are rising! Annual fuel bills for an average household have reached 1,790 €. tado°’s vision is to use intelligent technology and work against these unpleasant trends…

Per saperne di più …

Salve,

A volte i sistemi di riscaldamento o di climatizzazione sono un po' complicati .

Se hai delle domande su tado° siamo felici di ricontattarti gratuitamente e senza impegno.

Il tuo team tado°

Ho bisogno di...

* I tuoi dati non saranno condivisi con Terzi.