Un momento cruciale per il mercato Internet of Things (IoT)

I settori smart home e riscaldamento intelligente stanno raggiungendo l’adozione di massa. L’industria è guidata dai leader di mercato verticale e dalle piattaforme smart home di aziende internet globali oltre che dalla trasformazione delle aziende energetiche, da fornitori di beni primari a provider di servizi energetici. Tutto ciò è affiancato da un cambiamento delle legislazioni e all’implementazione di nuove leggi che promuovono la costruzione di edifici ad alta efficienza energetica e nei quali il riscaldamento intelligente può ricoprire un ruolo fondamentale.

Ecosistemi piuttosto che piattaforme chiuse

Per offrire ai consumatori un’esperienza di prima qualità, le aziende devono collaborare per il bene comune. Le aziende con piattaforme smart home chiuse e che offrono prodotti proprietari rimangono indietro. Al contrario, le piattaforme globali come Amazon Alexa, Google Assistant, e Apple HomeKit dominano sempre più il mercato e buona parte del loro successo è dovuto alla spinta per la cooperazione e l’integrazione con i leader di mercato verticali nei settori della gestione climatica, della sicurezza, dell’intrattenimento, e altri.

Non c’è un Pianeta B

Senza dubbio il riscaldamento e la climatizzazione intelligenti rivestono un ruolo primario nel ridurre l’impronta ecologica e raggiungere gli obiettivi fissati in ambito di cambiamenti climatici. In Europa soltanto, 79% dell’energia totale viene utilizzata per il riscaldamento e l’acqua calda delle abitazioni.* Impiegare termostati intelligenti come tado° aiuta a risparmiare fino al 31% sul riscaldamento domestico. La connettività di riscaldamento e climatizzazione assieme ad algoritmi intelligenti porta quindi ad un cambiamento di paradigma.

Riscaldamento e climatizzazione intelligenti possono rivoluzionare il modo in cui l’energia viene immagazzinata e distribuita per ridurre sprechi e gestire la rete nazionale in maniera più efficiente. Questa flessibilità della rete energetica apre la strada ad un incremento dell’energia rinnovabile e senza la necessità di avere centrali di supporto. In futuro il nostro consumo energetico dovrà reagire alla presenza di sole o vento.

Dal punto di vista dei consumatori, questi incredibili passi avanti in termini di produttività lavoreranno in sottofondo per massimizzare il comfort domestico e il risparmio. Anche le aziende trarranno beneficio dalla riduzione delle spese generali. L’ambiente, al contempo, sarà il vincitore assoluto.