L’uso dello smartphone è diventato una costante della nostra quotidianità; talvolta anche in modo insano, come dimostra l’aumento dei casi di nomofobia*. Ciò potrebbe essere uno dei motivi della recente crescita esponenziale del mercato della domotica.
Se stai pensando di semplificare la tua vita- rendendo la tua abitazione smart, l’utilizzo di un termostato intelligente è il passo iniziale più semplice da compiere. Tra i tanti benefici di un termostato collegato a internet c’è, per esempio, la possibilità di ridurre la temperatura target quando nessuno è in casa, evitando sprechi energetici e riducendo, di conseguenza, costi in bolletta. Prima di avventurarsi in questo pelago ricco di offerte, è consigliabile equipaggiarsi delle opportune conoscenze.

*nomofobia (s. f.) – stato ansioso che si manifesta quando non è possibile usare il cellulare (perché è scarico, perché non c’è campo, ecc.). (http://www.nomophobia.com/)

Un termostato intelligente – ne vale la pena?

Si potrebbe obiettare che è possibile risparmiare energia anche con termostati convenzionali; obiezione legittima, nella misura in cui si delineano programmazioni settimanali corrette. La maggior parte degli studi al riguardo hanno dimostrato che solo un numero ridotto di utenti riesce con successo in tale proposito; il resto evita addirittura qualsiasi programmazione. Tale comportamento è comprensibile, se si considerano i tanti impegni più pressanti e più importanti della programmazione e gestione del riscaldamento. Il risultato di tale negligenza, consapevole o meno, è però un elevato spreco energetico a discapito dell’ambiente e delle nostre finanze, perché spesso vengono riscaldate per ore abitazioni vuote.
Questo è solo uno dei tanti motivi per cui si dovrebbe adottare una soluzione intelligente.